• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scatole termiche Meiho giapponesi

  • Giorgio
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
Espandi
24/10/2013 01:13 #1 da Giorgio
Scatole termiche Meiho giapponesi - discussione creata da: Giorgio
Ciao, ho preso delle scatole termiche per le camole in Internet: la marca e' Meiho ,sono fatte bene ma le istruzioni sono in Giapponese.
Una volta aperta la confezione all'interno ,oltre alla tracolla vi e' un cuscinetto tipo i sacchetti da mettere in freezer per avere il freddo da applicare sui lividi; visto che a noi serve il caldo per le camole ,cosa devo fare..........metterle nell'acqua calda ? nel forno? o sui caloriferi o microonde? :magheggio
Grazie a tutti :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
24/10/2013 08:28 #2 da Bonez
Scatole termiche Meiho giapponesi - Risposta di: Bonez
Ciao Giorgio, se non ho capito male la scatola termica a cui ti riferisci dovrebbe essere questa:

200


A corredo solitamente è presente il "sacchettino" che hai citato e che se non erro può essere congelato e poi posto nella scatola termica per mantenere le esche al fresco in estate; oppure, al contrario, può essere riscaldato allo scopo di riscaldare la scatola porta esche nei periodi freddi dell'anno. Non aspettarti però grandi risultati; se desideri mantenere al caldo le tue esche ti consiglio di acquistare i classici scalda mani come descritto nell'articolo QUI

ciauuuuuuuuuz
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • simone2000
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Simone
Espandi
24/10/2013 08:53 #3 da simone2000
Scatole termiche Meiho giapponesi - Risposta di: simone2000

Bonez ha scritto: Ciao Giorgio, se non ho capito male la scatola termica a cui ti riferisci dovrebbe essere questa:



A corredo solitamente è presente il "sacchettino" che hai citato e che se non erro può essere congelato e poi posto nella scatola termica per mantenere le esche al fresco in estate; oppure, al contrario, può essere riscaldato allo scopo di riscaldare la scatola porta esche nei periodi freddi dell'anno. Non aspettarti però grandi risultati; se desideri mantenere al caldo le tue esche ti consiglio di acquistare i classici scalda mani come descritto nell'articolo QUI
:applausi :applausi :applausi :applausi :ok :ok :ok :ok :ok

ciauuuuuuuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Giorgio
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
Espandi
25/10/2013 00:02 #4 da Giorgio
Scatole termiche Meiho giapponesi - Risposta di: Giorgio
Grazie penso che usero' il sacchetto in estate congelandolo e per l'inverno prendero' i riscaldatori chimici che consigliate sul Forum :thanks :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Giorgio
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
Espandi
30/10/2013 14:05 #5 da Giorgio
Scatole termiche Meiho giapponesi - Risposta di: Giorgio
Ciao ,sempre riguardo alle scatole termiche, qualche idea su come attaccarle ad un cesto portatrote

nel modo migliore? :ok Cioe' senza rovinarle. :pianto

Sono gradite foto esplicative :thanks

(abbiate pazienza) :bye :thanks :ok

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
30/10/2013 14:28 #6 da Bonez
Scatole termiche Meiho giapponesi - Risposta di: Bonez
Io ho fissato la scatola termica della Daiwa (la coolbait pro III) mediante una struttura supplementare in alluminio, ma piuttosto "elaborata" ed al momento non ho la possibilità di fotografarla, ma Pordo e molti altri hanno semplicemente fissato la scatola porta esche con un potentissimo nastro biadesivo e ti assicuro che la tenuta è ottimale!! Quella di Pordo, ad esempio, non si è mai staccata e nemmeno allentata. Il biadesivo in questione è il Pattex Millechiodi

ciauuuuuuuz
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Giorgio
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
Espandi
30/10/2013 15:56 #7 da Giorgio
Scatole termiche Meiho giapponesi - Risposta di: Giorgio
Ciao , siete sempre una miniera di informazioni e soluzioni; :thanks il millechiodi lo dovrei gia' avere in casa e per la soluzione Bonez ,vedro' se ho qualche piattina di alluminio avanzata.....
ciao vado a controllare :bye :bye :ok

Vi faro' sapere quale delle due ho messo in pratica :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Per chi non lo conoscesse: "Gorreto" è un piccolo Comune della provincia di Genova in Liguria, al confine tra il Piemonte (provincia di Alessandria) e l'Emilia-Romagna con la provincia di Piacenza: questo "paesino" è ubicato alla confluenza del torrente Dorbera e del fiume Trebbia che, nell'alta valle ligure, si presenta con correnti, buche e bellissime lame d'acqua e nel quale è possibile esercitare tutte le tecniche di pesca, nelle "acque libere" e nelle "riserve di pesca" gestite con cura dall'Associazione Pescatori Val Trebbia. Così, venerdì 13 Giugno 2014, io (Bonez) assieme a 2 amici (Teo e Bonfi)

  Sabato 29 e domenica 30 ottobre 2012, per chi non lo sapesse, presso il bellissimo laghetto Al Tiro di Martinengo (BG) si sono svolti i campionati Italiani Juniores under 14, 18 e 23 di pesca alla trota in lago. Per l’occasione, dato che eravamo liberi da impegni io (Bonez) e Pordo, nella giornata di domenica ci siamo recati sul posto per seguire da vicino l’avventura del “nostro” piccolo grande utente macinator: Gianluca Cornelli di soli 14 anni figlio di korns 26 che partecipava alla competizione Under 18. La prima gara, svoltasi sabato pomeriggio si

Domenica 17 aprile si è svolta presso il lago “La trota nel birreto” di Corno Giovine (LO) la gara di chiusura della stagione alla trota organizzata dalla società “Travacon” di Fombio. Nel lago sono state immesse circa 110 kg di trotelle di piccola taglia (circa 8-9 per kg) su cui si sono date battaglia 10 coppie in un settore unico. Al primo impatto la superficie del lago era segnata da poche bollate e da un colore torbido dell’acqua dovuto alla prima semina in settimana di tinche e pesci gatto che  faceva presagire una gara non velocissima

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.