Domanda da 1 milione di €

21/11/2013 15:31 #1 da BELKIN
Domanda da 1 milione di € - discussione creata da: BELKIN
salve amici macinator,giro a voi un dubbio che mi frulla in testa da non sò quanto tempo,sperando di ottenere una risposta da gente più competente in materia.Un filo di diametro diciamo del 0,16 con carico di rottura di 3kg riesce a tirar fuori un pesce di 2,5kg senza l'utilizzo della frizione?Come peso "morto" credo non ci siano problemi,ma un pesce vivo e in buona salute sicuramente riuscirà a sviluppare una forza uguale e contraria al proprio peso,oppure sarà maggiore causando il collasso del filo? :caldospero di essermi spiegato bene :sorryQuesto mio dubbio si è molto acceso un paio di domeniche fà durante una pescata con perdita di una big :ko:sonno:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:44 #2 da Bonez
Ciao BELKIN, con l'aiuto della frizione o dell'antiritorno, con un po' di esperienza, ecc si riesce sicuramente a recuperare un pesce di peso superiore al carico di rottura del nylon che si stà utilizzando; ovviamente con l'aiuto del guadino...

:ok:occhiolino

ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:48 #3 da steo93
Ovviamente il filo nn deve essere "cotto" altrimenti la tenuta calerá, e aumentera la probabilita di rottura durante le operazioni di recupero del pesce

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:48 - 21/11/2013 15:50 #4 da andreone
Ciao.calcola che il nodo ti fa perdere qualcosa in tenuta e poi non so quante canne potrebbero reggere un pesce di 2,5 kg senza l aiuto del guadino...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:51 #5 da chiurulla
un pesce da 2,5 kg con un filo dello 0,16, e senza l'aiuto ne della frizione, ne dell'antiritorno,mi sembra un'impresa un pò ardua...come riusciresti a gestire le fughe della trota o le sue testate?
io personalmente vado di antiritorno...e ovviamente guadino e qualcuno che guadini per me!
:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:54 #6 da MarcoCician
Ciao...ma da quello che so e presumo...non credo che riesci tirar fuori na trota grossa senza l'utilizzo della frizione o antiritorno anche perchè se parte con la forza che ha e con i denti ti spacca sicuramente tutto........un mio amico con lo 0.16 ha tirato fuori un Temolo russo di notevole dimensione........

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:55 #7 da Naus
Anche dal mio punto di vista, senza frizione o antiritorno non puoi gestire il combattimento.

Ciaooo :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:58 #8 da Steeeeeezzz
Tieni anche conto che al nodo il carico di rottura si abbassa.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 16:06 #9 da BELKIN
:sorryforse non mi sono spiegato bene. :sbadatoSenza l'ausilio di frizione /antirtorno,si riesce a portare a guadino un pesce dall'ipotetico peso di poco al di sotto del carico di rottura? ke forza/peso riuscirà a sviluppare il pinnuto? :sfida:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 16:11 #10 da chiurulla
secondo me assolutamente no...considerando poi se il carico di rottura che c'è riportato nel filo è quello effettivo.ma anche se lo fosse,dopo due testate della trota il filo si spezza dove c'è il nodo.
io non c'ho mai provato, quindi la mia resta un'opinione...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.059 secondi

Martedì 1 Novembre 2011, presso il complesso: “Laghi di Tuna” che si trova nell’omonima località Tuna di Gazzola (PC) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago, a coppie, organizzata in memoria di un, purtroppo ex, pescatore: fabio Sdraiati, dal quale prende il nome questa manifestazione. Le coppie iscritte all’evento erano 50, tra cui eravamo ovviamente presenti anche noi; non solo io (Bonez) e Pordo, ma anche altri utenti di Macinator come: Pinuz e cornelli. Nel complesso: “Laghi di Tuna” sono presenti ben tre laghi indipendenti tra loro e la manifestazione si

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Ti sei mai trovato in presenza di trote, particolarmente svogliate, che stazionano ferme in superficie e che ignorano qualsiasi cosa gli passi davanti? In situazioni come questa, il mio consiglio è quello di provare ad innescare una camola alla "svizzera". Il suon innesco è piuttosto semplice: si inizia infilando l'amo a circa metà della pancia per poi far fuoriuscire la punta dalla coda o dalla testa (a seconda della direzione dell'innesco).     Fai ATTENZIONE! Si tratta di un innesco particolarmente delicato che richiede un po' di esperienza, e la dovuta accortezza, sia nella fase di innesco che durante il

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: