Domanda da 1 milione di €

21/11/2013 15:31 #1 da BELKIN
Domanda da 1 milione di € - discussione creata da: BELKIN
salve amici macinator,giro a voi un dubbio che mi frulla in testa da non sò quanto tempo,sperando di ottenere una risposta da gente più competente in materia.Un filo di diametro diciamo del 0,16 con carico di rottura di 3kg riesce a tirar fuori un pesce di 2,5kg senza l'utilizzo della frizione?Come peso "morto" credo non ci siano problemi,ma un pesce vivo e in buona salute sicuramente riuscirà a sviluppare una forza uguale e contraria al proprio peso,oppure sarà maggiore causando il collasso del filo? :caldo spero di essermi spiegato bene :sorry Questo mio dubbio si è molto acceso un paio di domeniche fà durante una pescata con perdita di una big :ko :sonno :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:44 #2 da Bonez
Ciao BELKIN, con l'aiuto della frizione o dell'antiritorno, con un po' di esperienza, ecc si riesce sicuramente a recuperare un pesce di peso superiore al carico di rottura del nylon che si stà utilizzando; ovviamente con l'aiuto del guadino...

:ok :occhiolino

ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:48 #3 da steo93
Ovviamente il filo nn deve essere "cotto" altrimenti la tenuta calerá, e aumentera la probabilita di rottura durante le operazioni di recupero del pesce

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:48 - 21/11/2013 15:50 #4 da andreone
Ciao.calcola che il nodo ti fa perdere qualcosa in tenuta e poi non so quante canne potrebbero reggere un pesce di 2,5 kg senza l aiuto del guadino...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:51 #5 da chiurulla
un pesce da 2,5 kg con un filo dello 0,16, e senza l'aiuto ne della frizione, ne dell'antiritorno,mi sembra un'impresa un pò ardua...come riusciresti a gestire le fughe della trota o le sue testate?
io personalmente vado di antiritorno...e ovviamente guadino e qualcuno che guadini per me!
:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:54 #6 da MarcoCician
Ciao...ma da quello che so e presumo...non credo che riesci tirar fuori na trota grossa senza l'utilizzo della frizione o antiritorno anche perchè se parte con la forza che ha e con i denti ti spacca sicuramente tutto........un mio amico con lo 0.16 ha tirato fuori un Temolo russo di notevole dimensione........

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:55 #7 da Naus
Anche dal mio punto di vista, senza frizione o antiritorno non puoi gestire il combattimento.

Ciaooo :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 15:58 #8 da Steeeeeezzz
Tieni anche conto che al nodo il carico di rottura si abbassa.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 16:06 #9 da BELKIN
:sorry forse non mi sono spiegato bene. :sbadato Senza l'ausilio di frizione /antirtorno,si riesce a portare a guadino un pesce dall'ipotetico peso di poco al di sotto del carico di rottura? ke forza/peso riuscirà a sviluppare il pinnuto? :sfida :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/11/2013 16:11 #10 da chiurulla
secondo me assolutamente no...considerando poi se il carico di rottura che c'è riportato nel filo è quello effettivo.ma anche se lo fosse,dopo due testate della trota il filo si spezza dove c'è il nodo.
io non c'ho mai provato, quindi la mia resta un'opinione...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.062 secondi

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

  Domenica 25 Marzo 2012, presso il laghetto: “La Trota nel Birreto” di Corno Giovine (LO), si è disputata la prima prova del Campionato Provinciale Individuale ed a Squadre della provincia di Lodi organizzata dalla società A.S.D. Pescasport Graffignana Milo. Non mi soffermo sulla descrizione del complesso in quanto è già stato recensito in altre occasioni, ma passo subito al “vivo” della manifestazione. Per quanto riguarda me (Bonez) e Pordo, facendo parte della società organizzatrice, il tutto ha avuto inizio nel tardo pomeriggio di sabato 24 Marzo; quando verso le ore 18:45, dopo aver atteso

Sabato 13 Aprile 2013, presso il bellissimo laghetto: "Al Tiro" di Martinengo (BG), si è svolto il tanto atteso: "2° Raduno MACINATOR"; ossia, per chi non lo sapesse, una bellissima giornata in compagnia di tutti gli utenti di questo sito che decidono liberamente di partecipare per una pescata di gruppo, con lo scopo di aiutarsi, conoscersi meglio di persona e scambiarsi consigli sulla pesca della trota e non solo. L'organizzazione dell'evento ha avuto inizio mesi prima ed è stata ufficializzata in data 6 Marzo 2013; giorno in cui si sono aperte le iscrizioni a chiunque

Lago Verde (PC) - 29/04/2017 Sabato 29 Aprile 2017, presso il Lago Verde di Piacenza (PC), si è svolto il: “6° Raduno Macinator”: una piacevole giornata trascorsa tra amici, sulle sponde di un lago, pescando. Ci tengo a precisare, ancora una volta, che il Raduno Macinator NON è una gara ma una divertente pescata in compagnia alla quale TUTTI possono partecipare. Un’occasione per rincontrare “vecchi” amici, per conoscerne di nuovi e per scambiarsi opinioni utili per migliorarsi accrescendo così le proprie conoscenze ed abilità di pesca sportiva. Si tratta di un evento al quale tengo particolarmente,

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: