• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

"Al laghetto" ex lago Burane Bordolano (CR) - 31/07/2011

Domenica 30 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz; nonostante la stagione estiva, tipicamente da pesca a bombarda in laghi medio/grandi, abbiamo deciso di trascorrere una giornata non molto lontano da casa,  pescando a piombino; soprattutto per poter inaugurare la nuova canna appena acquistata dal Cavoz: una Strabilya 4 e ci siamo così recati al laghetto di Bordolano (CR). Per chi non lo conoscesse, si tratta di un piccolo laghetto, che sembra una piscina, di forma trapezoidale, avente le sponde di cemento, il quale è tutto circondato da ghiaia bianca. Il lago presenta una profondità pressoché uniforme di circa 2-3 metri, ma nonostante ciò costituisce un’ambiente che è in grado di far sopravvivre le trote anche nelle stagioni più calde, grazie all’acqua mantenuta freschissima dal fiumiciattolo che alimenta continuamente il lago. Arrivati sul posto, verso le ore 7:10, i cancelli erano ancora chiusi; abbiamo così atteso l’apertura, fissata per le ore 7:30, assieme ad altri pescatori  che erano per la maggior parte storionisti. Giunta l’ora tanto attesa, abbiamo lasciato che i pescatori di storioni si posizionassero, per appostarci un po lontani da loro, in modo da non ostacolarci a vicenda, e ci siamo così fermati a circa metà sponda sul lato lungo opposto all’ingresso. Abbiamo subito aperto le nostre canne da piombino utilizzando come lenza una catenella di 6 pezzi di sonar da 0,50gr ciascuno con un terminale di circa 1,20mt ed utilizzando come esca le classiche camole naturali; ma dopo una quindicina di muti trascorsi con una serie di lanci a vuoto, abbiamo dedotto che in quella zona non vi era nemmeno l’ombra di una trota, e ci siamo così spostati sulla sponda opposta; più precisamente nell’angolo in cui entra l’acqua che alimenta il laghetto. Appena arrivati in questa zona, abbiamo subito notato qualche sporadica trotella che si aggirava in superficie, ed infatti abbiamo subito effettuato qualche cattura recuperando l’esca abbastanza velocemente appena al di sotto della superficie. E’ trascorsa così una mezz’ora di tempo che ci ha regalato una ventina di trote tra cui anche un paio di catture del Cavoz con la sua nuova Strabilya, ma anche qui, dopo un buon periodo iniziale sembrava essere tutto finito, ed abbiamo così effettuato il terzo spostamento della giornata dirigendoci sulla sponda più corta di tutto il lago, laddove abbiamo subito notato un bel branco di trote, che si aggirava nei dintorni appena sotto la superficie. Abbiamo così immediatamente accorciato a circa 70cm il terminale della nostra lenza per meglio poter maneggiare e dirigere la nostra esca all’interno del branco di trote ed abbiamo iniziato a pescare a vista effettuando una bella serie di catture di trote dai 200 ai 500 grammi. In questa situazione ci sembrava di essere ad una gara, durante uno dei primi turni, ed abbiamo infatti aumentato un po’ il ritmo di pesca, che si è smorzato da se quando le trote sono nettamente diminuite e quando le poche rimaste sono diventate piuttosto sospettose ed apatiche. Siamo così di nuovo passati da una pesca di velocità, ad una pesca di ricerca e per cercare di stimolare l’appetito delle trote rimaste, abbiamo iniziato ad alternare spesso le nostre esche variando i nostri inneschi con frollini di vari colori, innescando pastella a cucchiaino di varie tonalità, falcetti di gomma differenti; tutte esche che ci hanno permesso di catturare ancora parecchie trotelle. La giornata si è così conclusa con una settantina di catture totali per noi due macinator ed è stata, tutto sommato un’esperienza positiva; anche se va considerata l’alta presenza di storionisti che, in un laghetto così piccolo, ostacolano parecchio la nostra tecnica di pesca. Infatti, bisogna prestare molta attenzione durante i lanci e va considerato il fatto che, se ad esempio il branco di trote si fosse posizionato nelle immediate vicinanze delle loro lenze ferme in acqua, noi non avremmo potuto far altro che stare a guardare. Detto questo, soprattutto se vi trovate a pochi chilometri di distanza da questo lago e volete fare una pescata a vista anche in estate andateci pure tranquillamente che vi divertirete!

By Bonez

http://allaghettobordolano.blogspot.com/

 Ecco a voi il Cavoz immortalato assieme alla sua prima cattura con la nuova Strabilya 4


Domenica 30 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz; nonostante la stagione estiva, tipicamente da pesca a bombarda in laghi medio/grandi, abbiamo deciso di trascorrere una giornata non molto lontano da casa,  pescando a piombino; soprattutto per poter inaugurare la nuova canna appena acquistata dal Cavoz: una Strabilya 4 e ci siamo così recati al laghetto di Bordolano (CR). Per chi non lo conoscesse, si tratta di un piccolo laghetto, che sembra una piscina, di forma trapezoidale, avente le sponde di cemento, il quale è tutto circondato da ghiaia bianca. Il lago presenta una profondità

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

Ancora canne piegate per Daniele Bonetti: Il top Angler Trabucco è pronto a svelarci tutti i segreti della PESCA alla TROTA in acqua torbida! Non fatevi sfuggire questo episodio ricco di trucchetti e spunti per ottenere catture sempre al top… anche in acqua “sporca”! In questo episodio di LAKE TROUT Academy ci troviamo a Canneto Sotto (PC), nello specifico pescheremo nei ‘’Laghi di Tuna’’. La torbidità delle acque di questi laghi costringerà Daniele a mettere in campo un’azione di PESCA INSOLITA: la scelta delle attrezzature sarà orientata verso canne specifiche armate con bombarde ‘’sgrammate’’, maracas

Sabato 13 Aprile 2013, presso il bellissimo laghetto: "Al Tiro" di Martinengo (BG), si è svolto il tanto atteso: "2° Raduno MACINATOR"; ossia, per chi non lo sapesse, una bellissima giornata in compagnia di tutti gli utenti di questo sito che decidono liberamente di partecipare per una pescata di gruppo, con lo scopo di aiutarsi, conoscersi meglio di persona e scambiarsi consigli sulla pesca della trota e non solo. L'organizzazione dell'evento ha avuto inizio mesi prima ed è stata ufficializzata in data 6 Marzo 2013; giorno in cui si sono aperte le iscrizioni a chiunque

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.