• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Laghetto Smeraldo (BG) - 26/06/2011

Domenica 26 giugno 2011, io (Bonez), Gio (Pordo) e Teo abbiamo deciso di fare una pescata in compagnia in un bel lago della provincia di Bergamo: il laghetto Smeraldo di Ghisalba (BG). Siamo giunti sul posto verso le 7 di mattina e non conoscendo il lago abbiamo scelto la nostra postazione di pesca recandoci sulla sponda lunga di destra rispetto all’ingresso dato che era la zona più affollata di pescatori, indice quindi del fatto che le postazioni più redditizie erano situate in quella zona e ci siamo così fermati nel primo spazio libero, situato a circa metà sponda. Dopo aver dato uno sguardo veloce alla superficie del lago abbiamo iniziato pescando con bombarde da 15gr moretto, opaco e G7 prendendo come prima cosa i tempi impiegati dalle bombarde per raggiungere il fondale; tempi che si aggiravano dai 13 ai 18 secondi circa (un lago quindi poco profondo). Abbiamo così proseguito per quasi un ora con lanci e recuperi a differenti profondità dai 10 secondi fino a passate appoggiati sul fondo, con diverse esche sia naturali che artificiali, con recuperi sia veloci che lenti, effettuando però solamente un paio di catture casuali. Mentre effettuavamo i nostri lanci e recuperi abbiamo notato che, vicino alla sponda, transitavano frequentemente avanti e indietro branchi di 10 – 20 trote, ma tentando di insidiarle con qualsiasi esca esse non reagivano minimamente; se non allontanandosi immediatamente. Questi branchi, secondo il nostro punto di vista, erano costituiti da trote probabilmente già allamate in precedenza e fuggite a qualche pescatore, di trote particolarmente apatiche o magari cariche di ossigeno o di cibo, ma comunque sia di pesce che non aveva nessuna intenzione di aggredire l’esca. Con uno sguardo più attento abbiamo invece notato che alla nostra destra, ad una quarantina di metri da noi circa, alcuni pesatori, catturavano abbastanza frequentemente qualche trota; così io (Bonez) ho provato a spostarmi con la sola canna poco più in la rispetto a loro ed ho subito catturato 3 trote pescando appoggiato sul fondo ad una ventina di metri da riva. Abbiamo così deciso di spostarci tutti e tre in quel punto che, pur non essendo il punto ideale, era comunque più vicino alla zona più redditizia del lago e a nostro avviso, come dimostrato anche dalle catture effettuate da me in precedenza, avrebbe potuto regalarci sicuramente qualche abboccata in più. Infatti, nonostante nel frattempo fosse arrivato a trovarci il nostro amico Fricco, che porta una sfiga incredibile, abbiamo trascorso il resto della nostra giornata in quel punto, alternando una pesca a piombino, ad una con la solita bombarda G7, ma pescando in entrambe i casi a ridosso del fondo e non molto distante dalla riva arrivando ad effettuare a fine giornata poco più di una quarantina di catture in totale. Anche in questa postazione abbiamo provato ad utilizzare diverse tipologie di esche, e l’innesco più redditizio, con queste trote particolarmente indolenti, si è rivelato essere l’innesco con la pastella nelle colorazioni verde o fucsia. Concludendo possiamo dire che il lago ed il paesaggio circostante sono molto ben curati, tutto è estremamente ordinato e pulito, l’acqua è limpidissima e le sponde ed fondale del lago di ghiaia completano una struttura da invidiare. Per quanto riguarda la tipologia di pesca, la tipologia del pesce che abbiamo incontrato e l’omogeneità del lago dobbiamo invece dire che non siamo rimasti soddisfatti; infatti siamo riusciti ad effettuare qualche cattura con continuità e logica di pesca solamente dopo il nostro spostamento nell’unica zona popolata di trote di tutto il lago, rendendo appena accettabile una giornata di pesca, che senza questo spostamento sarebbe stata da dimenticare. Se volete quindi trascorrere una giornata in compagnia in una struttura davvero accogliente, considerando la pesca un passatempo, vale davvero la pena di visitare questo lago; se cercate invece un lago in cui perfezionar,e o semplicemente mettere in pratica, la tecnica dei pesca alla trota con una pesca estiva a bombarda vi consigliamo di recarvi altrove.

by Bonez

http://www.laghettosmeraldo.it/

 

Di seguito vi posto un'altra foto che ho deciso di tenere separata dalle altre per lo stile inconfondibile con il quale è stata scattata... Notate l'angolo a sinistra coperto da un bel ditone!!! Lascio indovinare a voi di chi può essere il dito e chi quindi avrebbe secondo voi potuto scattare una foto con una simile maestria: io stavo pescando, Teo e Gio, come ritratto dalla foto, erano impegnati a liberare un groviglio che si erano procurati con un agonista come loro (XD, XD, XD); chi rimane?!?!?


Un magnifico lago, come quello di Langhirano, meritava senza dubbio un evento altrettanto speciale; così, la società di pesca sportiva: La Fabiola e grazie al particolare contributo di Gianluca Petrolini (utente petro475) hanno deciso di organizzare per domenica 09 Giugno 2013 un particolare evento denominato: "Trout Mania". Ossia una gara di pesca alla trota aperta a 75 coppie che si sono confrontate pescando alternativamente sullo stesso picchetto trovandosi dinnanzi a ben 15 quintali di trotelle di taglia 120-130 grammi e che la mattina dell'evento hanno dato vita ad un "tappeto" distribuito piuttosto uniformemente su tutto

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

Son certo di poter affermare che, la più grande novità Fassa 2017 è, senza dubbio, rappresentata dalla nuovissima serie di canne, da trota lago, che prende il nome di Essence. Presentate lo scorso Febbraio, in occasione del Pescare Show di Vicenza, le nuovissime Essence hanno, in questi giorni, finalmente fatto la loro comparsa nei negozi. Attualmente, la serie Essence non sostituisce nessuna delle altre serie di canne, a marchio Fassa, in commercio ma le affianca interponendosi, a livello qualitativo, tra le Entry level: “Prime” e le top di gamma: “Spirit”. Si tratta però di una

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.

// Lazy Load AdSense start // Lazy Load AdSense end