01/09/2011 - Memorial Fabio Sdraiati

01/09/2011 - Memorial Fabio Sdraiati

Martedì 1 Novembre 2011, presso il complesso: “Laghi di Tuna” che si trova nell’omonima località Tuna di Gazzola (PC) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago, a coppie, organizzata in memoria di un, purtroppo ex, pescatore: fabio Sdraiati, dal quale prende il nome questa manifestazione. Le coppie iscritte all’evento erano 50, tra cui eravamo ovviamente presenti anche noi; non solo io (Bonez) e Pordo, ma anche altri utenti di Macinator come: Pinuz e cornelli. Nel complesso: “Laghi di Tuna” sono presenti ben tre laghi indipendenti tra loro e la manifestazione si è disputata in uno dei due laghi più grandi: quello avente una forma piuttosto arrotondata che si trova in basso a sinistra rispetto all’ingresso della struttura. Giunti sul posto abbiamo concentrato il nostro sguardo sul lago interessato ed abbiamo subito notato parecchie bollate, soprattutto nella zona di fronte al bar, ma la cosa che ci è più balzata all’occhio è stata il colore dell’acqua parecchio torbida e marrone ed è stato proprio per questo motivo che io e Pordo abbiamo deciso di iniziare il nostro primo turno di gara pescando a galleggiante con una piombatura spallinata piuttosto aperta. La gara, iniziata verso le ore 8:30 circa, è stata impostata infatti sia da noi, che da quanto abbiamo potuto notare, anche da molti altri pescatori, pescando a galleggiante o comunque con bombardine G1, G2 durante i primi turni di gara, per passare poi a lenze come la maracas, il vetrino e bombarde ancor più galleggianti durante gli ultimi turni di gara. Fin dai primissimi spostamenti, complice sicuramente l’acqua torbida, le trote non sono apparse molto aggressive e per quanto ci riguarda, non ci siamo mai trovati a dover affrontare turni di gara impostati su una pesca di velocità, ma abbiamo cercato di assicurarci la maggior parte delle catture cercando di “ciccare” il minor numero possibile di abboccate; questa pesca piuttosto “lenta” ci ha permesso di catturare all’incirca 10, 15 trote (in due) per ognuno dei primi spostamenti. Giunti poco dopo la metà di gara, abbiamo alternato la pesca a galleggiante a quella con un vetrino slim da 4gr, con la maracas oppure adoperando una bombarda G1, ma pescando sempre e comunque in superficie e catturando ancora 6 o 7 trotelle per turno. L’unico vantaggio procurato da quell’acqua particolarmente torbida è stato infatti, a mio avviso, quello di dar vita ad una gara che è durata fino alla fine e che ha permesso agli agonisti di effettuare diverse catture anche negli ultimi turni di gara, grazie alle parecchie trotelle rimaste ancora in acqua, che ancora non erano riuscite a vedere un’esca. La gara è giunta al termine verso le ore 11:15 circa e, per quanto ci riguarda, ci ha visti piazzati al 1° posto del nostro settore con 94 catture, con circa 20 pesci di distacco dalla seconda coppia e quarti nella classifica assoluta di giornata, a pari merito con i terzi classificati, per quanto riguarda il numero di trote catturate, ma con un peso complessivo inferiore rispetto a loro. In attesa delle premiazioni finali, dopo aver riposto la nostra attrezzatura in auto, io (Bonez) e Pordo abbiamo “chiuso un buco” nei nostri stomaci con un buon panino, consumato seduti ad un tavolo della bella struttura: “Laghi di Tuna” che offre alla sua clientela il servizio ristorazione e pizzeria oltre ai servizi lounge bar, musica e pesca sportiva.

by Bonez

Purtroppo, nessun paparazzo è riuscito a seguirci in questa occasione; così l'unico supporto multimediale che posso offrirvi è una foto del lago in cui si è disputata questa manifestazione:

www.laghidituna.net

Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

c'e' da segnalare anche l'ottimo primo di settore di beppe e il laino ciaoatutti

mauro
Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Domenica 4 dicembre 2011, presso il laghetto: “La trota nel birreto”, di Corno Giovine (LO) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago ad invito sponsorizzata dalla Lineaeffe e dall’enoteca “Le Rive” di Lodi, in collaborazione con la società di pesca “Codogno 80”, aperta a 20 coppie alla quale, ovviamente, anche io Bonez e Pordo abbiamo partecipato. Per l’occasione, dal titolo: “Trofeo Lineaeffe”, sono state immesse, sabato 3 dicembre, 200Kg di trotelle da gara per un totale di circa 1500 pesci che, al nostro arrivo presso il lago, la domenica mattina, ci

Domenica 30 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz; nonostante la stagione estiva, tipicamente da pesca a bombarda in laghi medio/grandi, abbiamo deciso di trascorrere una giornata non molto lontano da casa,  pescando a piombino; soprattutto per poter inaugurare la nuova canna appena acquistata dal Cavoz: una Strabilya 4 e ci siamo così recati al laghetto di Bordolano (CR). Per chi non lo conoscesse, si tratta di un piccolo laghetto, che sembra una piscina, di forma trapezoidale, avente le sponde di cemento, il quale è tutto circondato da ghiaia bianca. Il lago presenta una profondità

Un accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca della trota in lago è, senza dubbio, il: cesto porta trote. La sua funzione principale è probabilmente quella di contenere le nostre catture ma, grazie alla presenza di alcune sacche e scatole termiche ci consente di avere comodamente con noi anche le nostre esche e tutta la minuteria di cui abbiamo bisogno sul luogo di pesca. Un tempo si trovavano in commercio quasi esclusivamente cestelli portapesci fatti a cavalletto e dotati di una tracolla per il trasporto. L’evoluzione ha poi portato a modelli aventi una struttura in

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: