La riserva di Gorreto

La riserva di Gorreto

Per chi non lo conoscesse: "Gorreto"è un piccolo Comune della provincia di Genova in Liguria, al confine tra il Piemonte (provincia di Alessandria) e l'Emilia-Romagna con la provincia di Piacenza: questo "paesino" è ubicato alla confluenza del torrente Dorbera e del fiume Trebbia che, nell'alta valle ligure, si presenta con correnti, buche e bellissime lame d'acqua e nel quale è possibile esercitare tutte le tecniche di pesca, nelle "acque libere" e nelle "riserve di pesca" gestite con cura dall'Associazione Pescatori Val Trebbia. Così, venerdì 13 Giugno 2014, io (Bonez) assieme a 2 amici (Teo e Bonfi) ci siamo recati in questa magnifica valle per trascorrere una giornata di pesca in compagnia immersi nella natura e più precisamente nella cosiddetta: "Zona 1" della riserva di Gorreto che si estende sul fiume Trebbia per circa 1,5 km da il "lago" sottostante la briglia nel Comune di Gorreto verso monte dove confina con la Zona 2.

Per poter accedere alla Zona 1 "Cattura"è necessario presentarsi in una delle 2 strutture presenti nel comune di Gorreto: Albergo Miramonti o Bar Torre, muniti di regolare licenza di pesca e tessera F.I.P.S.A.S. e versare la quota di 20€; attraverso la quale verrà rilasciato un "permesso", della durata di mezza giornata, che consente inoltre di catturare e trattenere 5 salmonidi. Così, dopo aver ritirato i permessi, ci siamo recati sul tratto di fiume al quale avevamo accesso e risalendolo lentamente abbiamo iniziato a pescare cercando di insidiare le trote (iridee, fario, salmerini) che scorgevamo nelle varie "buche", dietro ai massi o nascoste sotto alla vegetazione vicino al sottoriva. Abbiamo pescato con una canna da spinning utilizzando come esca vari rotanti, ondulanti e "gomme" (tra cui il vermone Berkley Gulp) montate su teste piombate e le prime catture non si sono fatte attendere molto; dopo pochi minuti siamo infatti riusciti a catturare già i primi salmonidi. Risalendo lentamente il tratto della riserva siamo poi giunti in una zona del fiume con buche piuttosto profonde dove, grazie all'acqua cristallina, si riuscivano a scorgere diverse trote iridee, fario e salmerini presenti a diverse profondità e così abbiamo insistito pescando per parecchio tempo in quella zona riuscendo ad effettuare catture anche di taglia tra cui un iridea di circa 2Kg. Considerata la limpidezza dell'acqua e la diffidenza delle trote di fiume abbiamo utilizzato terminali piuttosto sottili (fluorocarbon TD Brave 0.13) e purtroppo altre 2 trote di taglia (stimate circa 3KG), con i loro denti affilati, hanno spezzato il terminale guadagnandosi di nuovo la libertà. Immersi in un paesaggio spettacolare, dinnanzi ad un'acqua cristallina ed a magnifiche trote che si scorgevano qua e la mimetizzate sul fondale o nascoste tra i sassi la giornata scorreva veloce e si è, purtroppo, presto avvicinato il momento di dover lasciare il torrente; così, verso le ore 11, abbiamo iniziato a dirigerci lentamente a valle effettuando qualche sosta per insidiare le ultimissime trotelle a disposizione per ogni permesso lasciando così, a malincuore, il fiume verso le ore 12:15. La nostra splendida giornata non poteva che concludersi con un pic-nic in compagnia immersi nella natura; così, una volta ritornati all'auto, ci siamo fermati all'ombra sulla sponda del trebbia per gustare ottimi salumi in compagnia e per brindare alla magnifica giornata appena trascorsa e a questa indimenticabile esperienza che consiglio a tutti voi. Concludo questo breve articolo ringraziando i miei compagni di avventura: "Teo" e "Bonfi" per la bellissima giornata trascorsa assieme sulle rive del Trebbia in compagnia della nostra passione comune ed in particolar modo Bonfi per averci portato con lui in questo bellissimo luogo prima d'ora a noi "sconosciuto"; appuntamento alla prossima...

Se qualcuno di voi fosse interessato a recarsi presso la Riserva di Gorreto potete trovare maggiori dettagli ed informazioni sulla brochure 2014

by bonez

GALLERIA FOTO:

 

VIDEO di una cattura (iridea circa 2Kg):


Ciao a tutti! Chiunque di voi, agonisti e non, dal nord al sud, più o meno “patiti” di trota lago, avrà comunque sentito parlare di un famosissimo personaggio della trota lago: “Fausto Buccella”: esperto indiscusso della trota lago, tra i primi a portare e praticare questa disciplina in Italia. Mi sembra quindi “superfluo” soffermarmi sulla  presentazione del consulente tecnico Daiwa che voi tutti conoscerete per lo meno per sentito dire e passo così subito al sodo di questo articolo; ossia: “L'opinione del campione Fausto Buccella riguardo a macinator.it”. Tutto è iniziato l’11 Aprile 2012; quando

Un accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca della trota in lago è, senza dubbio, il: cesto porta trote. La sua funzione principale è probabilmente quella di contenere le nostre catture ma, grazie alla presenza di alcune sacche e scatole termiche ci consente di avere comodamente con noi anche le nostre esche e tutta la minuteria di cui abbiamo bisogno sul luogo di pesca. Un tempo si trovavano in commercio quasi esclusivamente cestelli portapesci fatti a cavalletto e dotati di una tracolla per il trasporto. L’evoluzione ha poi portato a modelli aventi una struttura in

Martedì 16 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz, in compagnia delle rispettive mogli, figlie e fidanzate, abbiamo deciso di trascorrere il dopo ferragosto in un bellissimo lago di pesca sportiva, che nessuno di noi aveva mai visitato prima, ma che ci è stato consigliato dal grande cornelli: il lago di Rogno. Si tratta di un lago dalle medio/grandi dimensioni e dalla elevata profondità, caratterizzato da un bel paesaggio circostante ed un’acqua talmente cristallina e pura al punto di permetterne la balneazione; esiste infatti una zona del lago delimitata da una grossa corda tenuta in

Dal grande successo ottenuto dalle: Switch Lake Trout nasce l'omonima serie di canne, specifiche per la pesca della trota con lenze a galleggiante: Trabucco Switch Trout Float.  Si tratta di un'interessantissima novità 2021, che ho avuto il piacere di "disegnare" per Trabucco. Quattro canne in totale, due prendono il nome di: Float Sense e sono identificate dal colore azzurro; mentre due denominate Float Power ed identificate dal colore giallo. Sia le Float Sense che le Float Power sono disponibili nella lunghezza di cinque e di sei metri. Tutte le Switch Float vengono distribuite in versione già montata con anelli

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: