Come slamare una trota

Come slamare una trota

Chiunque di voi si fosse avvicinato al fantastico mondo della pesca alla trota in lago avrà sicuramente visto con i propri occhi, o per lo meno sentito parlare di, “come slamare la trota con il dito”. Per chi non lo sapesse, nella pesca alla trota, a livello agonistico, è necessario ottimizzare al meglio non solo l’attrezzatura, ma anche tutti i movimenti e le azioni che vengono effettuate durante l’azione di pesca, per fare in modo che si sprechi il minor tempo possibile , riuscendo così a catturare un maggior numero di pesci durante i brevissimi turni iniziali di gara. Una di quelle azioni che, se non ottimizzata e mal effettuata, causa una perdita di tempo non indifferente, è sicuramente quella della slamatura; la quasi totalità degli agonisti, adotta infatti questa tecnica per liberare le trote catturate dall’amo, senza ricorrere all’utilizzo di appositi “slamatori” in quanto causerebbero un’eccessiva perdita di tempo. Come molti altri accorgimenti utilizzati dagli agonisti, anche questa “tecnica” di slamatura si è diffusa anche nella pesca non agonistica; infatti, molti appassionati di pesca alla trota, pur non trovandosi ad una competizione, utilizzano per comodità questa tecnica per liberare dall’amo, le trote da loro catturate. Se qualcuno di voi non ha mai impiegato questa tecnica di slamatura ,o se avete effettuato comunque dei tentativi senza ottenere risultati soddisfacenti, cercherò ora di spiegarvi quali sono le giuste operazioni da compiere, e gli accorgimenti da adottare, per una buona riuscita dell’operazione. Indipendentemente da dove sia stata allamata la trota (labbro superiore, labbro inferiore o più o meno in profondità) è sempre e comunque necessario mantenere, durante tutta l’operazione di slamatura il filo in tensione. Scegliete voi qual è il metodo che trovate più comodo per farlo, se tenere la canna tra le gambe, aiutarvi appoggiandola al portapesci, ecc; l’importante è che manteniate sempre il filo in tensione. Detto ciò, una volta uccisa la trota,  fate scorrere il polpastrello del dito indice, della mano con cui vi viene più comodo e naturale, lungo il filo ed una volta raggiunto l’amo entrate con il dito, fino in fondo, nella sua curvatura fino a fare appoggiare la punta dell’amo sull’unghia. Incastrato il vostro dito nell’amo è necessario, sempre mantenendo il filo in tensione, spingere con decisione in avanti (verso la gola della trota) effettuando una leggera torsione in direzione diagonale opposta rispetto alla punta dell’amo per far si che esso si liberi dalla bocca della trota. Se effettuate correttamente queste semplici operazioni e manterrete sempre il filo in tensione, libererete l’amo dalla bocca della trota e vi ritroverete con esso incastrato sul vostro dito, pronto per essere innescato con una nuova esca. Dato che si tratta di un’operazione più semplice da effettuare, che da spiegare, ho cercato di rappresentare di seguito, con un’immagine animata, tutte le operazioni da eseguire per una corretta slamatura:

by Bonez

Voto 0 fuori da 5 basato su 0 votanti
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

per mantenere il tensione il filo come si puo' fare... grazie

mikro
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Bonez Amministratore Autore    mikro
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Puoi mantenere il filo in tensione ad esempio mantenendo la canna tra le gambe oppure appoggiandola al porta pesci.

Bonez
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

A me capita avendo il dito ancora un po' piccolo di non arrivare all'amo in gola.. Perciò ho incominciato a guardare gli altri per rendermi conto di come facevano a slamare la trota.. Il metodo che uso io se l'amo è giù è quello di spaccare il...

A me capita avendo il dito ancora un po' piccolo di non arrivare all'amo in gola.. Perciò ho incominciato a guardare gli altri per rendermi conto di come facevano a slamare la trota.. Il metodo che uso io se l'amo è giù è quello di spaccare il "labbro" della trota.. Spero che sia di aiuto a chiunque non riuscisse come me a slamare la trota quando ha l'amo in gola

Leggi Tutto
AlexFDP
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

bonez ma quando ingoia come fai a slamarla col dito???? io vedo pescatori che ravanano in bocca alla trota io ci provo ma nn riesco a slamarla hai qualche consiglio o qualce trucchtto per provare

billa
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ma...... come si fa ad uccidere la trota velocemente senza farla soffrire?

E.A.
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Bonez Amministratore Autore    E.A.
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Il consiglio è sempre quello di utilizzare l'annoccatore con decisione ancor prima di effettuare l'operazione di slamatura...

ciauuuuuuuuuuz

Bonez
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao, scusa ma se l amo è piu in profondita della bocca, tipo a 5/6cm, insomma lo ha ingoiato bene... Slami sempre con il dito?

massimino80
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Bonez Amministratore Autore    massimino80
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Esatto massimino, una volta imparato si slama SEMPRE con il dito...! ;-)

Bonez
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Bonez Amministratore Autore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

bella animazione ma bisogna sempreprima ucciderla ???? :lol:
<br /><br />Durante le competizioni, teoricamente, da regolamento, è obbligatorio uccidere le trote; al di fuori di esse io consiglio di farlo, prima dell'operazione di slamatura, per...

bella animazione ma bisogna sempreprima ucciderla ???? :lol:
<br /><br />Durante le competizioni, teoricamente, da regolamento, è obbligatorio uccidere le trote; al di fuori di esse io consiglio di farlo, prima dell'operazione di slamatura, per limitarne la loro sofferenza...<br /><br />Ciauuuuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

bella animazione ma bisogna sempreprima ucciderla ???? :lol:

sampei97
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ma il mio dito negli ami che uso io non entra minimamente io uso ami del 4

ANTONIO84
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

a ok sfrutti il cimino per tenerlo in tensione...sabato provo grazie

roby_the_killer
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Bonez Amministratore Autore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

io per tenere il filo in tensione lo avvolgo intorno al medio e con l'indice slamo...purtroppo a volte capita di avvolgerlo troppo e creando troppa tensione rompo il filo...<br />Bonez tu non lo giri intorno al medio?
<br /><br />No, io per...

io per tenere il filo in tensione lo avvolgo intorno al medio e con l'indice slamo...purtroppo a volte capita di avvolgerlo troppo e creando troppa tensione rompo il filo...<br />Bonez tu non lo giri intorno al medio?
<br /><br />No, io per tenerlo in tensione tengo la canna tra le gambe; non avvolgo il filo al dito medio; se trovo difficoltà a volte capita che per tenere ben teso utilizzo il dito mignolo per bloccare il filo e ovviamente con l'indice slamo.

Leggi Tutto
Bonez
Non hai il permesso di visualizzare allegati
Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Rate this post:
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Le trote che vengono immesse nei laghetti di pesca sportiva, provengono da allevamenti in cui sono abituate a nutrirsi con mangimi e, rispetto a quelle che popolano i nostri fiumi, sono molto meno sospettose, soprattutto quando si trovano in branco; situazione in cui entrano in gioco anche: il loro istinto di sopravvivenza, la loro aggressività e soprattutto la competizione con gli altri pesci del branco. All’interno del lago, esse si distribuiscono diversamente a seconda delle stagioni, e quindi della temperatura, a seconda della direzione del vento e del periodo relativo alla deposizione delle uova; periodo

Quando la tecnica di pesca della trota vi entra nel sangue, quando oltre a passare del tempo divertendovi a pescare le trote volete confrontarvi con altri è l’ora di avvicinarsi all’agonismo della trota lago come noi Macinator e non solo abbiamo fatto.  Di seguito cerchiamo di esporvi nel migliore dei modi come avviene una gara di pesca alla trota in lago: Le trote, come bene sappiamo, sono solite spostarsi in branco ed a distribuirsi quindi nel lago in modo non omogeneo, ma dando luogo a zone più o meno popolate; proprio per questo, le gare

Son certo di poter affermare che, la più grande novità Fassa 2017 è, senza dubbio, rappresentata dalla nuovissima serie di canne, da trota lago, che prende il nome di Essence. Presentate lo scorso Febbraio, in occasione del Pescare Show di Vicenza, le nuovissime Essence hanno, in questi giorni, finalmente fatto la loro comparsa nei negozi. Attualmente, la serie Essence non sostituisce nessuna delle altre serie di canne, a marchio Fassa, in commercio ma le affianca interponendosi, a livello qualitativo, tra le Entry level: “Prime” e le top di gamma: “Spirit”. Si tratta però di una

Quando ci si appresta ad effettuare una pescata in un laghetto, piccolo o grande che sia, cercando di insidiare le trote con la tecnica della pesca a striscio; uno degli aspetti da considerare è sicuramente la stagione in cui ci si trova. Le trote infatti, a seconda della stagione e quindi della temperatura dell'acqua stazionano in differenti posizioni e differenti altezze all'interno del lago nel seguente modo: AUTUNNO In Autunno, forse uno dei mesi migliori per la pesca di questo tipo, avremo le trote a pelo d'acqua. Adesso ci si può sbizzarrire con tutte quelle

 

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it e vuoi dare il tuo contributo per sostenere le spese di mantenimento del sito puoi farlo attraverso una piccola donazione. Per effettuare la tua donazione scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure , CLICCA sull'immagine sottostante per effettuare la tua donazione mediante connessione protetta,  attraverso il diffusissimo e sicuro metodo di pagamento paypal con una normalissima carta di credito:

 

Copyright © 2020 Macinator.it
regolamento - GDPR & Disclaimer
bonez@macinator.it
Image