Rotolino avvolgilenza

Un accessorio dal costo irrisorio ma che, allo stesso tempo, si rivela molto utile e pratico è sicuramente il cosiddetto: "rotolino avvolgilenza". Si tratta di un disco, del diametro di circa 4-5 cm, solitamente in eva o in sughero, utile per avvolgere i terminali, più o meno lunghi, delle "nostre" lenze realizzate sulle varie canne, prima di riporle in auto, o in qualsiasi luogo, al fine di preservarne le condizioni del filo. Spezzoni terminali corti, come ad esempio quelli di una lenza a galleggiante o a piombino, potrebbero anche essere fissati, sulla canna stessa, senza ricorrere all'utilizzo dei rotolini avvolgilenza ma in casi di terminali lunghi 100, 200 o 250cm questa operazione risulterebbe alquanto complicata con conseguente rischio di deterioramento del filo stesso così, accessori come i dischetti in eva si rivelano, a mio avviso, particolarmente utili e pratici. Lo scopo per il quale ho scritto questo brevissimo articolo non è però quello di descrivervi questo "banale" ma utilissimo accessorio, il quale non necessita di una dettagliata descrizione, ma bensì, viste le numerose richieste ricevute sul forum e privatamente, quello di mostrarvi, con un video, un metodo molto semplice e pratico per utilizzare al meglio i rotolini avvolgilenza. Vi lascio quindi alla visione del filmato dopo la quale potrete postare, come di consueto, le vostre domande utilizzando i commenti sotto all'articolo o il forum di Macinator.

 

 

by Bonez

Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Bonez,
uso anch'io i rotolini avvolgilenza come da te suggerito, però quando monto sulla lenza una grossa bombarda, utilizzo anche delle fascette in neoprene con velcro per fissare appunto la bombarda alla canna per impedire movimenti...

Ciao Bonez,
uso anch'io i rotolini avvolgilenza come da te suggerito, però quando monto sulla lenza una grossa bombarda, utilizzo anche delle fascette in neoprene con velcro per fissare appunto la bombarda alla canna per impedire movimenti bruschi che possano danneggiare il cimino della canna. Fai anche tu lo stesso o conosci qualche altro trucchetto?
Grazie!

Leggi Tutto
Michele Z
Bonez Amministratore Autore    Michele Z
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Michele, personalmente "blocco" l'astina della bombarda fissandola al fusto della canna con una molletta Stonfo di quelle che utilizzo a canne allungate; oppure faccio si che l'astina della bombarda stia al di sotto del copri punta in modo...

Ciao Michele, personalmente "blocco" l'astina della bombarda fissandola al fusto della canna con una molletta Stonfo di quelle che utilizzo a canne allungate; oppure faccio si che l'astina della bombarda stia al di sotto del copri punta in modo che stia "ferma".

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Bonez un consiglio. qualche volta ho lasciato la lenza rifatta con un avvolgi lenza dopo la pesca , con proteggi canna e tutto, ma poi ho trovato la brutta sopresa di trovare l'ultimo anello spezzato in quanto la lenza tirando laveva fatto una...

Bonez un consiglio. qualche volta ho lasciato la lenza rifatta con un avvolgi lenza dopo la pesca , con proteggi canna e tutto, ma poi ho trovato la brutta sopresa di trovare l'ultimo anello spezzato in quanto la lenza tirando laveva fatto una trazione anolmala. come mi consigli di fissare gli avvolgi lenza a canna chiusa?

Leggi Tutto
bibi
Bonez Amministratore Autore    bibi
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao bibi, personalmente lascio "pendere" il rotolino circa 15cm più sotto rispetto al copri cima e non ho mai avuto problemi. Ovviamente è necessario prestare un po' di attenzione nel non "tirarlo" verso il basso.
ciauuuuuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

e io che usavo il pacchetto di sigarette:p:p:p:p:p:p:p

ermanno
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

SEI IL TOP BONEZ!!

MANU87
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Grande Bonez

Enzo72
Bonez Amministratore Autore    Enzo72
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Grazieeeeee Enzo72!

Bonez
Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Quando ci si appresta ad effettuare una pescata in un laghetto, piccolo o grande che sia, cercando di insidiare le trote con la tecnica della pesca a striscio; uno degli aspetti da considerare è sicuramente la stagione in cui ci si trova. Le trote infatti, a seconda della stagione e quindi della temperatura dell'acqua stazionano in differenti posizioni e differenti altezze all'interno del lago nel seguente modo: AUTUNNO In Autunno, forse uno dei mesi migliori per la pesca di questo tipo, avremo le trote a pelo d'acqua. Adesso ci si può sbizzarrire con tutte quelle tecniche dette

{tab A}{slider Alconite}Il termine "alconite" identifica un tipo di materiale all'avanguardia utilizzato per la realizzazione di alcuni passanti (anelli) tra i migliori attualeente in commercio. I passanti in alconite sono tra gli  ultimi nati in casa Fuji e si caratterizzano per una maggiore resistenza alle forze di compressione ed una miglior distribuzione del calore dovuto all'attrito. Rispetto al materiale concorrente al "OP": SIC un anello in alconite pesa all'incirca il 10% meno.{slider Annoccatore}Con il termine "annoccatore" ci si riferisce all'attrezzo utilizzato per ammazzare le trote, immediatamente dopo la loro cattura, riducendone al minimo l'agonia e

Come pescare le trote Pesca alla trota lago: Le trote che vengono immesse nei laghetti di pesca sportiva, provengono da allevamenti in cui sono abituate a nutrirsi con mangimi e, rispetto a quelle che popolano i nostri fiumi, sono molto meno sospettose, soprattutto quando si trovano in branco; situazione in cui entrano in gioco anche: il loro istinto di sopravvivenza, la loro aggressività e soprattutto la competizione con gli altri pesci del branco. All’interno del lago, esse si distribuiscono diversamente a seconda delle stagioni, e quindi della temperatura, a seconda della direzione del vento e del

Credo che chiunque si sia avvicinato alla trota lago abbia sentito pronunciare gli “storici” nomi che identificano, da sempre, le bombarde affondanti, a marchio Fassa: “Bugiardino”, “Opaco” e “Moretto”. Chi le conosce meglio e le ha adoperate, conoscerà però sicuramente anche i loro punti critici come ad esempio: la scarsa resistenza meccanica e la grossolana precisione di G. Grazie al nostro rapporto di collaborazione, nel corso del 2016, assieme a Fassa, abbiamo così deciso di dar vita ad una nuovissima linea di Bombarde affondanti che prende il nome: “Deep”. Dall’inglese: “in profondità” della serie Deep

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: