Come imbobinare un mulinello

Come imbobinare un mulinello

Una di quelle operazioni,  che nonostante possa sembrare alquanto semplice ed irrilevante, deve invece essere effettuata con molta cura, e prestando molta attenzione, è sicuramente quella di avvolgere il nylon in bobina. In molti, che si avvicinano per la prima volta alla pesca, sicuramente non sapranno nemmeno da che parte incominciare, ma anche chi lo ha già fatto, probabilmente, sottovaluta alcuni accorgimenti indispensabili per un corretto avvolgimento del filo che agevola, o comunque non ostacola, il pescatore stesso durante l’azione di pesca. Uno scorretto “imbobinamento” del mulinello, oltre ad ostacolare l’uscita del filo, durante la fase di lancio, e permettere quindi di raggiungere distanze ridotte; può causare inoltre parecchi problemi più gravi tra cui il cosiddetto “backlash”. Con questo termine ci si riferisce al rilascio involontario di spire di filo; un inconveniente che nella maggior parte dei casi comporta il formarsi di una “parrucca” di filo, spesso irrisolvibile, con conseguente rottura della lenza che comporta l’interruzione dell’azione di pesca. Per ridurre al minimo il problema, oltre ad una corretta azione di “imbobinamento” Daiwa, per i suoi mulinelli, ha creato le bobine a conicità inversa denominata ABS; il loro disegno oppone resistenza all'uscita disordinata delle spire di lenza, per cui è possibile caricarle di filo fino all'estremità del bordo, ottenendo lanci molto più lunghi e precisi.

Oltre a considerare l’acquisto di un mulinello Daiwa con tecnologia ABS, per la pesca alla trota, bisogna prestare attenzione anche alla scelta del filo da caricare in bobina che deve avere caratteristiche di morbidezza, buona tenuta al nodo e soprattutto assenza di memoria meccanica; anch’essa causa di probabili “parrucche”. Vediamo ora assieme quali sono tutte le operazioni da effettuare, e gli accorgimenti da adottare, per un corretto caricamento in bobina del nostro nylon, iniziando da come fissare il filo sulla bobina. Per prima cosa è necessario effettuare un’asola detta anche nodo a cappio eseguendo le seguenti operazioni:

Una volta effettuato il nodo a cappio facciamo passare il filo nell’anello più grande della canna (quello più vicino al mulinello).

Proseguiamo poi con il bloccaggio del filo stesso sulla bobina del mulinello effettuando le seguenti operazioni per creare una cosiddetta “gassa”

Una volta creata la gassa si procede al fissaggio della stessa alla bobina del mulinello come indicato in figura:

Effettuate le operazioni di bloccaggio del filo al mulinello si può quindi procedere al caricamento del filo in bobina: immergiamo quindi il rocchetto di filo in una bacinella d’acqua; otterremo così il beneficio di un avvolgimento meno traumatico per il filo. Bagnandosi, infatti, il monofilo si adatterà più velocemente alle dimensioni della nostra bobina e ci permetterà quindi di utilizzare il nostro mulinello immediatamente; se non lo immergessimo in acqua sarebbe invece necessario attendere qualche giorno prima di iniziare a pescare, pena qualche inevitabile parrucca. Una volta immerso il rocchetto di filo in acqua si può procedere con l’avvolgimento, girando piuttosto lentamente la manovella del mulinello, ma è molto IMPORTANTE tenere in tensione il filo tra il pollice e l’indice della nostra mano aiutandoci con una spugnetta o uno straccetto che ha il compito di asciugare leggermente il filo, ma soprattutto quello di preservare le nostre dita da piccoli tagli e bruciature causate dal nylon.

Dopo aver fatto qualche giro di manovella è bene controllare che le spire si sistemino uniformemente sulla bobina del nostro mulinello riempiendola per tutta la sua altezza; nel caso in cui il riempimento non sia uniforme sarà necessario svolgere il filo avvolto e ripetere l’operazione dall’inizio onde evitare le solite “parrucche” causate da un cattivo imbobinamento. Certi che l’avvolgimento stà avvenendo correttamente, possiamo quindi girare la manovella finché avremo riempito completamente la nostra bobina. Un corretto riempimento presenterà le spire uniformemente distribuite su tutta la bobina che deve essere piena quasi fino all’orlo, ma non troppo in quanto, in questo caso, le spire si svolgerebbero troppo facilmente ed accidentalmente causando inevitabili parrucche. Se riempissimo troppo poco il nostro mulinello invece, formando uno “scalino” tra il bordo della bobina e il nylon avvolto; più lo scalino sarà ampio e più le spire incontreranno resistenza durante la fuoriuscita del filo limitando parecchio la nostra distanza di lancio. Potete osservare in questa immagine un mulinello CORRETTAMENTE imbobinato:

Considerato il fatto che le bobine dei mulinelli indicati per la pesca alla trota hanno una capacità di parecchi metri di filo e tenendo conto che durante la nostra azione di pesca ne svolgeremo solamente al massimo un centinaio di metri, onde evitare uno spreco di filo è consigliabile iniziare la fase di riempimento della nostra bobina utilizzando del nylon usurato, vecchio, oppure super economico che fungerà solamente da spessore. Una volta riempita metà bobina circa con del filo da spessore si procederà allo stesso modo, come descritto sopra, caricando gli ultimi 150mt circa di filo “buono”. Ultimato quindi l’avvolgimento in bobina del nostro nylon, seguendo questa procedura, possiamo recarci immediatamente a pesca, ricordandoci però che, il filo, ha una naturale usura dovuta allo sfregamento con gli anelli della canna e del guidafilo del mulinello, all’esposizione alla luce del sole, ecc, e necessita quindi di essere sostituito abbastanza frequentemente. Non è possibile determinare una scadenza temporale univoca e uguale per tutti in quanto l’usura dipende da molti fattori; il consiglio che mi sento di darvi è quindi quello di controllare spesso lo stato del vostro filo e cambiarlo non’appena notate che esso ha perso robustezza, spezzandosi facilmente, o sostituirlo comunque, indicativamente, almeno una volta all’anno.

By Bonez

 

Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Bonez,
quando dici "..... onde evitare uno spreco di filo è consigliabile iniziare la fase di riempimento della nostra bobina utilizzando del nylon usurato, vecchio, oppure super economico che fungerà solamente da spessore. Una volta...

Ciao Bonez,
quando dici "..... onde evitare uno spreco di filo è consigliabile iniziare la fase di riempimento della nostra bobina utilizzando del nylon usurato, vecchio, oppure super economico che fungerà solamente da spessore. Una volta riempita metà bobina circa con del filo da spessore si procederà allo stesso modo, come descritto sopra, caricando gli ultimi 150mt circa di filo “buono”. Nel senso che bisogna fare una Gassa e proseguire come da te indicato oppure uno Shock leader tra i due file diversi sia in qualità e/o anche spessore.

Grazie
BYBY

Leggi Tutto
chichibio
BonezAmministratoreAutore    chichibio
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao chichibio; come giunzione tra il filo "da spessore" ed il filo "buono" puoi adoperare la soluzione che preferisci in quanto si tratta di un nodo che non ha uno scopo di tenuta; è invece più importante far si che sia poco voluminoso in modo da...

Ciao chichibio; come giunzione tra il filo "da spessore" ed il filo "buono" puoi adoperare la soluzione che preferisci in quanto si tratta di un nodo che non ha uno scopo di tenuta; è invece più importante far si che sia poco voluminoso in modo da non alterare la disposizione delle spire sulla bobina.
ciauuuuuuuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Bonez non riesco a far girare il filo attorno la bobina come faccio?

ertony92
BonezAmministratoreAutore    ertony92
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Accidenti!! Scusa ma non è molto chiaro il tuo problema... Una volta fissato l'inizio; il filo sulla bobina si avvolge da se semplicemente ruotando la manovella...
ciauuuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

l'ho fissato come c'è scritto qua ma quando giro il filo non si avvolge

ertony92
BonezAmministratoreAutore    ertony92
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ti do un consiglio: avvolgi 4/5 giri di mulinello a mano (ovviamente nel senso corretto) dopodichè inizia a ruotare la manovella ed a questo punto si deve avvolgere... ciauuuuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

non riesco neanche cosi sono disperato...

ertony92
BonezAmministratoreAutore    ertony92
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

A questo punto non mi resta che consigliarti di rivolgerti ad un amico più esperto o in un negozio di pesca della tua zona per farti aiutare nell'identificare il problema... Mi spiace... ciauuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Bonez!
Un negozio di pesca qui in zona consigliava di utilizzare del filo di lana come spessore invece che del vecchio filo di nylon.. tu cosa ne dici? potrebbe andare bene anche con questo sistema?

sonnY
BonezAmministratoreAutore    sonnY
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

La soluzione con il filo di lana probabilmente qualcuno la utilizza allo scopo di riempire in minor tempo e con minor spire la bobina del mulinello; così come chi utilizza un nylon dal diametro elevatissimo: 0,40 - 0,50; ma personalmente mi sento...

La soluzione con il filo di lana probabilmente qualcuno la utilizza allo scopo di riempire in minor tempo e con minor spire la bobina del mulinello; così come chi utilizza un nylon dal diametro elevatissimo: 0,40 - 0,50; ma personalmente mi sento di sconsigliare entrambe le soluzioni in quanto diventano causa di un "cattivo" imbobinamento con conseguenti successive controindicazioni durante l'azione di pesca...

ciauuuuuuuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Bonez, una domanda, fondamentale direi, almeno per me.
Si deve imbobinare facendo girare il rocchetto del nylon su un supporto (come ho anche visto sui filmati del team daiwa su tube, o si deve tenere fisso il rocchetto perpendicolare alla...

Ciao Bonez, una domanda, fondamentale direi, almeno per me.
Si deve imbobinare facendo girare il rocchetto del nylon su un supporto (come ho anche visto sui filmati del team daiwa su tube, o si deve tenere fisso il rocchetto perpendicolare alla canna, in modo da "svoglere" e non srotolare il filo?
Grazie inifite ciao.

Leggi Tutto
ICE
BonezAmministratoreAutore    ICE
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao ICE; la posizione corretta in cui tenere il rocchetto di filo rispetto al mulinello è la seguente:
http://img96.imageshack.us/img96/6177/52gf.jpg
Immergendo il rocchetto di filo in un secchio d'acqua e recuperando il mulinello per imbobinare...

Ciao ICE; la posizione corretta in cui tenere il rocchetto di filo rispetto al mulinello è la seguente:
http://img96.imageshack.us/img96/6177/52gf.jpg
Immergendo il rocchetto di filo in un secchio d'acqua e recuperando il mulinello per imbobinare il nylon; la posizione "corretta" si imposterà"automaticamente"...

ciauuuuuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

SEI UN MITO, il mio mito!
Grazie infinite, tutto quello che scrivi è preziosissimo.
Quindi butto dentro il rocchetto ad un secchio ed inizio, il rocchetto si contorce da solo, lo lascio libero?
Ciaoooo

ICE
BonezAmministratoreAutore    ICE
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ma quale mito e mito... E' comunque un piacere sapere di essere d'aiuto... Quanto al rocchetto è esattamente come hai detto... Ciauuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Dopo aver inparruccato un paio di volte in un turno sono andato a chiedere info al negoziante che mi aveva venduto il filo 10 giorni prima,<br />Mi ha detto di imbobinarlo seguendo le spire che escono dal rocchetto.<br />cosa ne pensate?

E.A.
BonezAmministratoreAutore    E.A.
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Penso che questo non sia un consiglio che un negoziante dovrebbe dare, ne tantomeno un consiglio da seguire...<br /><br />Ciauuuuuz

Bonez
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ottimo articolo, avrei però delle domande:<br />Ma per legare il filo vecchio che fa da spessore con quello nuovo che nodo consigli di fare?<br />Bisogna bagnare solo il filo nuovo?<br />Non avendo un conta filo come ci si regola per sapere...

Ottimo articolo, avrei però delle domande:<br />Ma per legare il filo vecchio che fa da spessore con quello nuovo che nodo consigli di fare?<br />Bisogna bagnare solo il filo nuovo?<br />Non avendo un conta filo come ci si regola per sapere quando iniziare a imbobinare il filo nuovo?<br />Grazie.. Ciaoo
<br /><br />Ciao ale, per quanto riguarda il nodo va benissimo qualsiasi nodo purchè non sia molto voluminoso, non importa che abbia buona tenuta in questo caso; io effettuo un nodo shock leader ma molto piccolo. Non è necessario mettere in acqua il filo usato come spessore; solo il filo nuovo. Per quanto riguarda la quantità di filo da imbobinare direi che ci si basa sull'esperienza; in caso contrario potresti imbobinare tutto il mulinello con filo vecchio purchè abbia un diametro come quello del filo che vuoi caricare; poi sbobini a mano 100mt di filo e ci metti il nuovo... In questo modo non sbagli ma ci vuole sicuramente più tempo...<br />Ciauuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ho comprato una bobina da 4000 mt di velvet blu. Mi sto apprestando a metterlo sul mulinello, ma mi sorge un dubbio... immergendo tutta la bobina nell'acqua, non potrebbe portare ad un usura piu veloce della stessa, o l'acqua del rubinetto non...

Ho comprato una bobina da 4000 mt di velvet blu. Mi sto apprestando a metterlo sul mulinello, ma mi sorge un dubbio... immergendo tutta la bobina nell'acqua, non potrebbe portare ad un usura piu veloce della stessa, o l'acqua del rubinetto non reca nessun danno all'intera bobina, considerando che ne usero circa 1000 metri /anno distribuita sui vari mulinelli?<br />Grazie

Leggi Tutto
pezio
BonezAmministratoreAutore    pezio
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Vai tranquillo! Dal mio punto di vista immergi pure senza problemi...<br /><br />ciauuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Grazie allora faro cosi

pezio
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ottimo articolo, avrei però delle domande:<br />Ma per legare il filo vecchio che fa da spessore con quello nuovo che nodo consigli di fare?<br />Bisogna bagnare solo il filo nuovo?<br />Non avendo un conta filo come ci si regola per sapere...

Ottimo articolo, avrei però delle domande:<br />Ma per legare il filo vecchio che fa da spessore con quello nuovo che nodo consigli di fare?<br />Bisogna bagnare solo il filo nuovo?<br />Non avendo un conta filo come ci si regola per sapere quando iniziare a imbobinare il filo nuovo?<br />Grazie.. Ciaoo

Leggi Tutto
ale91
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ciao mi sento di dire che io cavoz principiante sono il n° 1 delle parrucche <br />ma io dico pescando con un piombino da 4 grammi che bisogno cè di ibobinare al massimo ?
<br />Per un re delle parrucche come te non c'è di certo bisogno di...

ciao mi sento di dire che io cavoz principiante sono il n° 1 delle parrucche <br />ma io dico pescando con un piombino da 4 grammi che bisogno cè di ibobinare al massimo ?
<br />Per un re delle parrucche come te non c'è di certo bisogno di imbobinare al massimo; poi le parrucche le faresti anche con soli 10 metri di filo sul mulinello. Un mulinello correttamente imbobinato permette di guadagnare qualche metro di distanza durante il lancio anche con lenze da soli 4 grammi...

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ciao mi sento di dire che io cavoz principiante sono il n° 1 delle parrucche <br />ma io dico pescando con un piombino da 4 grammi che bisogno cè di ibobinare al massimo ?

cavoz
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao.. un vecchio pescatore del Ferrarese conosciuto in vacanza quest'anno mi ha raccontato che loro usano scaldare dell'acqua in un pentolino,senza portarla all'ebolizione,poi ci immergono la bobina con il filo, ce la lasciano 5 minuti e poi la...

Ciao.. un vecchio pescatore del Ferrarese conosciuto in vacanza quest'anno mi ha raccontato che loro usano scaldare dell'acqua in un pentolino,senza portarla all'ebolizione,poi ci immergono la bobina con il filo, ce la lasciano 5 minuti e poi la montano sul mulinello, cosi facendo evitano le parrucche, qualcuno di voi ne ha mai sentito parlare ? Se qualcuno ha già provato, funziona?
<br />Sinceramente, questa è la prima volta che la sento; utilizzare acqua tiepida, nel procedimento da me sopra descritto ci puo stare, ma l'ho ritenuto superfluo, ma la soluzione di lasciare ammollo in acqua calda la bobina non l'ho mai sentita...<br />Ciauuuuuz!

Leggi Tutto
Bonez
Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Team Daiwa Specialist Super Slim Seconda Generazione Qualsiasi appassionato di pesca, conosce il marchio Daiwa; il quale rappresenta, da anni, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale. Trattando nello specifico il settore: "Trota lago" e riferendosi in particolare alle canne da pesca telescopiche, da circa 4 anni a questa parte, tra le TOP di gamma più apprezzate e più vendute del marchio Daiwa spiccano sicuramente le Team Daiwa Specialist Super Slim: caratterizzate dal colore bianco del loro fusto "Super Slim". Giunti però a circa metà novembre 2013,

 Uno dei più grandi colossi del mondo della pesca: “Daiwa” già presente con differenti “succursali” nei vari paesi del mondo, nel corso del 2014, ha modificato ulteriormente il proprio assetto strutturale ed organizzativo dando vita, anche a: “Daiwa Italy”. Questa strategia commerciale ha avuto quindi impatto anche sulla società italiana che si è sempre occupata di progettare, realizzare e commercializzare canne e prodotti a marchio Team Daiwa: la “Fassa S.p.A.” la quale trasformandosi in: “Fassa S.r.l.” ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory"è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

Sostieni il sito Questo sito (www.macinator.it), i cui contenuti sono completamente GRATUITI e liberamente consultabili, NON è un sito professionale e NON ha NESSUNO scopo di lucro, ma è stato creato, e viene continuamente "mantenuto", solo per diffondere una grande passione per la pesca della trota lago. Per chi non lo sapesse però, per mantenere on-line un sito, ogni anno, si  devono sostenere le spese di mantenimento del dominio, dello spazio web ed i costi di gestione/manutenzione, che peraltro aumentano con l'aumentare delle visite, del traffico e dei contenuti offerti. "Dietro" a macinator non vi stà nessuno sponsor,

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: