• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La pesca a vista

Capita spesso, soprattutto per chi si avvicina all’agonismo, o per chi comunque senta parlare degli agonisti trota lago, di sentire parlare di: “pesca a vista”.  Non si tratta di una vera e propria tecnica di pesca, ma semplicemente, di una pesca che si fa rigorosamente a galla in cui, nella maggior parte dei casi, si utilizza il piombino o comunque la catenella o le sonar, nella quale non si fa altro che  seguire con i propri occhi l’esca dall’inizio alla fine del suo percorso. Questa tipologia di pesca, da effettuare a nostro avviso rigorosamente con l’ausilio di un paio di occhiali polarizzati, viene attuata soprattutto durante le gare e molto spesso nei primi turni di gara; quando, a pochi metri dalla riva, sono presenti branchi di trote appena sotto il pelo dell’acqua. In queste situazioni le trote sono, nel 99% dei casi, estremamente voraci e pronte ad aggredire qualsiasi cosa cada in acqua nelle loro vicinanze. Non’appena la nostra lenza cadrà in acqua subirà numerosi attacchi, da parte delle trote, e non tutti diretti all’esca, ma anche alla zavorra (piombo, catena o sonar che sia) e grazie ai nostri occhi, osservando la nostra esca, potremo vedere quando viene attaccata ed inghiottita per poi ferrare immediatamente, ignorando gli attacchi che avvertiremo sulla cima della nostra canna. Man mano poi che le trote diminuiscono si utilizza la vista per individuare le sagome delle trote appena sotto al pelo dell’acqua, per lanciare poi la nostra esca un po’ più in la rispetto a loro, evitando così di spaventarle. Una volta che l’esca cade in acqua si inizia subito a recuperarla in direzione della trota avvistata, senza preoccuparsi di guardare la cima della canna, ma fissando sempre la nostra esca, che verrà molto probabilmente seguita dalla trota fino al punto di subire un attacco e di essere addentata. A questo punto è necessaria la solita immancabile ESPERIENZA per poter stabilire quale sia il momento esatto in cui ferrare, ma teoricamente possiamo creare due distinzioni: la ferrata “al volo” e la ferrata “assicurata”. La ferrata al volo si effettua spesso durante i primi turni di gara, quando bisogna perdere il minor tempo possibile e consiste nel ferrare al primo attacco della trota, non’appena l’esca sparisce dalla nostra vista. Tra le due tipologie di ferrata, è quella che statisticamente ci garantisce minori probabilità di successo in quanto la trota, soprattutto di piccola taglia, difficilmente tende ad ingoiare subito l’esca, ma prima di masticarla ed ingoiarla sferra diversi attacchi nei confronti della sua preda aggredendola e sputandola alternativamente. Scegliendo quindi di ferrare “al volo” bisogna avere prontezza e reattività in modo da ferrare nel momento esatto in cui l’esca viene attaccata, ma sicuramente prima che essa venga sputata, pena una ferrata a vuoto detta anche “liscio” o lisciata”. Detto a parole può sembrare abbastanza semplice, non è invece altrettanto semplice individuare correttamente questo momento fatidico e quindi saper effettuare una ferrata “al volo” che ci garantisca successo, se non grazie a tantissima ESPERIENZA; se volete quindi imparare a ferrare correttamente “al volo” provate, provate e provate, senza scoraggiarvi di fronte a innumerevoli “lisciate”. Se non state effettuando una gara e non avete quindi necessità di dover risparmiare qualche secondo di tempo, affidatevi alla ferrata che denominiamo: “assicurata”; in quanto statisticamente, se correttamente effettuata, ci garantisce la quasi totalità di successo. Essa consiste, a differenza della precedente, nell’attendere che la trota addenti l’esca e che successivamente si metta a masticarla, prima di ferrare. Il momento della masticazione è facilmente individuabile e riconoscibile osservando la bocca della trota e prestando particolare attenzione alle branchie; le quali, durante la masticazione si muoveranno continuamente; ed è proprio in questa fase che dovremo ferrare. Ovviamente questa è la teoria, la pratica poi richiede in entrambe i casi molta esperienza, non solo per saper individuare il momento in cui ferrare, ma anche per saper interpretare la tipologia di abboccata che ci troviamo a dover affrontare in quel momento. Potrebbe infatti capitare di trovarsi ad avere a che fare con trote particolarmente apatiche, o sospettose, che faticano ad ingoiare l’esca e dover essere in qualche modo “costretti” a dover effettuare una ferrata “al volo” durante uno degli attacchi sferrati nei confronti dell’esca, in quanto rischieremmo di non trovarci mai nella situazione di assistere al momento della masticazione dell’esca. Non sempre quindi saremo noi a dover scegliere quale tipologia di ferrata effettuare, ma in alcuni casi, come ad esempio in quello appena descritto, la scelta della ferrata ci verrà imposta dalle trote stesse e saremo noi a doverci adattare per mettere in pratica la giusta ferrata. Oltre a faticare ad ingoiare l’esca, può capitare, durante le fasi di ricerca, di avere a che fare con trote apatiche che tendono a disdegnare l’esca ignorandola durante il suo passaggio; in questi casi è sicuramente utile, se possibile, variare il colore o il tipo di esca cercando di stimolare l’appetito o la curiosità della trota. Se anche questo non bastasse un ulteriore consiglio è quello di provare a variare le velocità di recupero, passando da un recupero molto lento ad uno molto veloce o di lasciar cadere il piombo verso il fondo; spesso le trote in questo modo vengono molto stimolate ed inseguono l’esca. Così facendo si rischierà però di perdere di vista l’esca e si seguirà quindi l’eventuale abboccata e la conseguente ferrata secondo le normali indicazioni. Ora che abbiamo descritto come avviene la pesca a vista, quali sono gli accorgimenti da adottare e come effettuare la ferrata non rimane che parlare dell’attrezzatura e della lenza da utilizzare: la canna ideale per la pesca a vista è una canna rigida e reattiva. Infatti, dato che l’abboccata viene seguita a vista, non è necessario avere un attrezzo estremamente sensibile, ma è bene che sia invece molto reattivo in modo che non’appena ferreremo la ferrata verrà trasmessa immediatamente. La lenza da utilizzare in presenza di un bel branco di trote è senza dubbio la classica lenza a piombino; utilizzando come zavorra un piombo short o slim da 3-4 grammi: più pesante e tozzo (short) con trote veloci, mentre più leggero e allungato (slim) con trote un po più lente. Il terminale, del diametro 0,18 – 0,20 deve essere tendenzialmente corto per permettere di meglio manovrare l’esca e per essere più reattivi con la ferrata; quindi da 40 a 80 centimetri massimo; anche in questo caso più verso i 40 con trote decise, mentre più verso gli 80 con trote più sospettose. In presenza invece di trote sporadiche e piuttosto apatiche la lenza può subire variazioni sia per quanto riguarda la zavorra, sostituendo il piombino con un vetrino, con le sonar o con una catenella di styls, sia per quanto riguarda il terminale che può essere leggermente allungato ma soprattutto assottigliato utilizzando filo dello 0,12. Qualunque sia la lenza e qualunque sia la situazione il consiglio dei Macinator è quello di avere sempre e comunque molta calma perché pescando le trote a vista è ancora più facile andare in panico; spaventarle, insospettirle, ma soprattutto collezionare una serie di “lisci” infiniti.

by Bonez

Ora vi dimostriamo, con questo video, come si cattura una trota avvistata a pochi metri da riva appena sotto il pelo dell’acqua:


Quando ci si appresta ad effettuare una pescata in un laghetto, piccolo o grande che sia, cercando di insidiare le trote con la tecnica della pesca a striscio; uno degli aspetti da considerare è sicuramente la stagione in cui ci si trova. Le trote infatti, a seconda della stagione e quindi della temperatura dell'acqua stazionano in differenti posizioni e differenti altezze all'interno del lago nel seguente modo: AUTUNNO In Autunno, forse uno dei mesi migliori per la pesca di questo tipo, avremo le trote a pelo d'acqua. Adesso ci si può sbizzarrire con tutte quelle tecniche dette

Importante novità a catalogo Trabucco 2021-2022 per quanto riguarda i mulinelli a frizione anteriore è senza dubbio rappresentata dal modello Xplore mtc. Un mulinello dalle caratteristiche tecniche che lasciano subito presagire che si tratta di un prodotto di qualità su cui si può contare per tutte le tecniche della pesca alla trota lago e dello spinning medio/leggero. - 9 cuscinetti a sfere in acciaio inox, sigillati sulle due facce - 1 cuscinetto a rulli in acciaio inox (Antiritorno infinito) - Corpo e rotore particolarmente rigidi - Bobina shallow, sovradimensionata,

Come pescare le trote - pesca alla trota lago: Le trote che vengono immesse nei laghetti di pesca sportiva, provengono da allevamenti in cui sono abituate a nutrirsi con mangimi e, rispetto a quelle che popolano i nostri fiumi, sono molto meno sospettose, soprattutto quando si trovano in branco; situazione in cui entrano in gioco anche: il loro istinto di sopravvivenza, la loro aggressività e soprattutto la competizione con gli altri pesci del branco. All’interno del lago, esse si distribuiscono diversamente a seconda delle stagioni, e quindi della temperatura, a seconda della direzione del vento

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory" è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.