Fassa Essence Lake Trout
Nuovissima serie di canne da trota lago by Daniele "Bonez" Bonetti
6° Raduno Macinator
Lago Verde (PC)
Deep Bombarde
Nuove bombarde affondanti by Fassa
ABC Trota Lago
Raccolta di articoli dedicati alla trota lago
Video di una battuta di pesca
by Fassa Srl
Fassa Spirit Bolo
Canne bolognesi top di gamma by Fassa
Fassa Spirit
Nuovissima serie di canne Top di gamma by Fassa
Fassa Prime
Nuovissima serie di canne Entry level by Fassa
Il rotolino avvolgilenza
come utilizzarlo... (video)

Esche ed inneschi per la pesca della trota in laghetto 

Esche naturali:

Per esche naturali si intendono tutte quelle esche che sono presenti in natura e le più utilizzate per la pesca della trota sono: le camole del miele, i caimani, ed i lombrichi. Un buon innesco è caratterizzato da: rotazione, robustezza e dimensioni proporzionate alla preda che si vuole insidiare ossia la elazione tra l’esca che si vuole utilizzare e la dimensione delle trote da insidiare. Una grossa trota predilige spesso, ma non sempre un innesco grosso, una trota di taglia media attaccherà sempre esche di dimensioni medio piccole e una trota piccola, si adatta invece un po' a tutto: dall'innesco piccolo a quello grosso. Innanzitutto è bene conoscere la specie da insidiare: le fario, come i salmerini, preferiscono un'esca scura; il salmerino in particolare predilige il verme. Per l’innesco singolo si utilizzano ami piccoli del n° 8/10, mentre per l’innesco doppio è preferibile utilizzare ami del n° 4/6, facendo in modo che le due camole formino una “L” che garantirà un’ottima rotazione. Supponendo di utilizzare le camole come esca: nel caso di un innesco doppio la prima camola la facciamo calzare tutta coprendo la paletta dell’amo e salendo un pezzo anche sul filo, mentre la seconda la infileremo fin circa la sua metà e faremo in modo che la sua coda funga da elica. Nel caso di un innesco singolo invece i metodi di pinzatura sono sostanzialmente 2: primo caso infiliamo la camola dalla coda fino a far passare interamente l’amo attraverso il corpo per farlo uscire dalla parte della testa, infine facciamo scorrere l’intera esca sul filo; la camola rimarrà così bloccata sulla paletta durate lo striscio le farà assumere una forma a elica e la sua rotazione sarà assicurata. Nel secondo caso la camola va pinzata due volte, la prima appena dietro la testa, poi nuovamente sotto e la punta va fatta uscire quasi all’estremità della coda mantenendo una piccola codina che faciliterà la rotazione.

Se siete interessati ad approfondire questo argomento potete leggere gli articoli dedicati alle varie esche naturali semplicemente cliccando sui link sottostanti:

La camola - Il caimano -Il verme

 

Esche artificiali o siliconiche:

Nonostante queste tipologie di esche non siano ammesse nelle competizioni F.I.P.S.A.S, molte ditte produttrici si prodigano nello studio e nella realizzazione di camole, vermi o grub di qualsiasi colore, dimensione e consistenza ed esse vengono spesso impiegate per la pesca sportiva a striscio non agonistica.

Perché utilizzare la gomma?

Le motivazioni di questa scelta possono essere molteplici, ma due in particolare spiccano all’occhio del pescatore: la comodità e la versatilità nell’utilizzo. Quando decidiamo di effettuare una battuta di pesca con esche vive, infatti dobbiamo sempre preoccuparci di acquistare in tempo le eventuali esche naturali per poi conservarle in un luogo adatto fino al loro utilizzo per non lederne la loro vitalità. Con le esche in silicone questo problema non sussiste, infatti così come le pastelle multicolor possono essere comodamente conservate in qualsiasi luogo e la loro durata è praticamente infinita. Per quanto riguarda la loro versatilità invece il discorso è ancor più evidente: la scelta tra le infinite colorazioni, forme e taglie ci garantisce maggiori probabilità di catture rispetto alle esche naturali. Anche il semplice bianco, che di solito è il colore più catturante, nella gomma è assolutamente più candido e brillante che in natura e per questo estremamente più catturante. In passato uno dei problemi più evidenti delle esche siliconiche era costituito dal fatto che la trota, stuzzicata dal loro roteare e spinta ad attaccarle, proprio per la loro consistenza e la mancanza di sapore doveva essere ferrata al minimo sentore di abboccata, pena la sua inevitabile fuga. Oggi, invece, la ditta: “Berkley” con l’evoluzione delle gomme, ha pensato anche a risolvere questo problema rendendo le proprie esche “saporite” realizzando esche siliconiche “Gulp! Alive!”. Le esche della tecnologia Gulp! sono immerse e impregnate in un liquido saturo di sostanze attiranti; ogni esca Gulp! Alive! assorbe venti volte più sostanze attiranti di una normale esca Gulp! e disperde sapori e odori 400 volte più di un esca naturale. Cento per cento biodegradabile, ogni esca Gulp! Alive! può essere ricaricata semplicemente rimettendola nel suo liquido di governo. Il più classico degli inneschi, utilizzando esche siliconiche, è quello singolo ed in questo caso utilizziamo un amo n° 6/8 facendolo entrare dalla testa fino a circa ¾ della nostra esca siliconica formando come sempre la solita “L”. Vista la varietà di forme e colori che Berkley mette a disposizione del pescatore, anche l’innesco doppio non è mai da sottovalutare; in questo caso utilizzeremo ad esempio due camole siliconiche: la prima infilata interamente a coprire il gambo dell’amo, la seconda pinzata dalla testa fino a circa metà della sua lunghezza andrà a formare la classica “L”. Nel caso si disponga anche di esche naturali ci si può infine sbizzarrire con un innesco misto unendo la classica camola viva a coprire l’amo a quella siliconica nella parte inferiore o viceversa; l’importante è sempre e comunque ottenere un’esca rotante.Ultima esca artificiale utilizzata per la pesca a striscio è la pastella o pasta per trote prodotta sempre dalla “Berkley”; essa viene venduta in piccoli vasetti di vetro ed è presente in molteplici colorazioni, sia a tinta unita che di diversi colori mischiati ed è disponibile anche in versione con brillantini per renderla ancor più brillante. La pasta da trota trova il suo miglior utilizzo nella pesca con un recupero piuttosto lento e specialmente in estate abbinata anche a grub siliconici. Essa si innesca su ami del n° 4/6 facendo una pallina e modellandola a proprio piacimento formando una piccola pera allungata o un triangolo ma che in ogni caso in acqua dovrà roteare.

by Bonez

 

Cliccate qui per vedere diversi video su come realizzare alcuni tipi di inneschi

 

  • Ho un paio dii domande: 1) il colore della lenza puo' fare laa differenza? Un monofilo bianco o trasparente puo' essere meno visibile agli occhi di un pesce rispetto a uno rosso?
    2)il colore dell esca come va scelto? Dico con il colore dell acqua, o la profondità a cui si pesca...

  • Ciao, il colore del filo imbobinato non ha importanza e non influenza le trote nell'abboccare; ciò che può contribuire nel ridurre la sospettosità delle trote riguarda lo spezzone terminale il quale si consiglia sia in fluorocarbon e dal diametro compreso tra lo 0,12 e lo 0,18 circa. L'eventuale colore dell'esca si sceglie in base ad ogni situazione in quanto non esiste un colore universalmente più o meno redditizio dell'altro. Il rosso è uno degli ultimi a "sparire" alla vista dei pesci in acqua ad elevate profondità ma non per questo è, in senso assoluto, il più catturante.
    ciauuuuuuuuuuuz

  • Ospite - Michael

    Ciao vorrei sapere quale artificiale funzione di più per lo spinning ai trotoni il lago ? Grazie

  • uno un giorno al laghetto mi ha detto che pesca con la "pastina"!!! Faceva una pallina sull'amo è abboccavano a volontà!!!! Sapete come si chiama e quanto cosa grazie

  • credo che ti riferisca ala pasta per trote. la più usata, e a mio avviso al migliore è la berkley.la trovi intorno ai 3,50/4 euro a barattolino

  • Ciao volevo sapere che amo utilizzare per trote di taglia piccola io di solito uso 6 7 8 , nella gara di oggi a bordolano ne ho perse tante in mangiata nn le sentivo molto aggressive .

  • Ospite - marco

    Ciao volevo sapere quali ondulati comprare per la pesca alla trota in laghetto. Ti ringrazio anticipatamente per la tua cortesia

  • Innesco camola, in alternativa a camola cucita, da te descritto:
    "Nel caso di un innesco singolo invece i metodi di pinzatura sono sostanzialmente 2: primo caso infiliamo la camola dalla coda fino a far passare interamente l’amo attraverso il corpo per farlo uscire dalla parte della testa, infine facciamo scorrere l’intera esca sul filo; la camola rimarrà così bloccata sulla paletta durate lo striscio le farà assumere una forma a elica e la sua rotazione sarà assicurata."
    DOMANDA
    ma in questo modo l'amo rimane tutto scoperto o non ho capito bene io?
    Grazie

  • In risposta a: alpando

    Esatto! Con questa tipologia di innesco l'amo rimane completamente libero e "nudo".
    ciauuuuuuuz

  • Ospite - dzevat

    ciao vorreii sapere quali colori vanno meglio al laghetto di rogno e quali sono le eshe principali

Carica Altri Commenti

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 / 2000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-2000 caratteri
termini e condizioni.

Ultimi commenti:

un GRAZIE in particolare a: chiurulla
Ciao, bello il tuo articolo, ma io vedo molti che pescano con galleggianti affusolati e leggerissimi, però i galleggianti rimangono sempre piegati in...
Ciao Valerio, la lunghezza (5mt) potrebbe anche andare bene per lanciare e gestire bombarde dai 15-20gr in su; con il vetrino direi che è un po' tropp...
Ospite - valerio
Ciao, secondo te troppa lunga una 5mt per pescare con bonbarda oppure con vetrino
Visto il laghetto che frequento fanno tutti quel tipo di pesca
C...
un GRAZIE in particolare a: NeneZai
un GRAZIE in particolare a: Gianni68

Ultime catture:

Facebook fans: